assistenza domiciliare, ospedalizzazione a domicilio, assistenza sanitaria, prestazioni sociali, sussidi e diritti.

Cure palliative e  Hospice:  migliorare la qualità della vita anche quando la medicina

non può guarire



Il dolore accompagna la vita dell’uomo, dalla nascita alla morte. Non sempre ne siamo consapevoli. Eppure il malato è spesso l’inquilino della porta accanto, è la persona che incrociamo continuamente durante la giornata. A volte il dolore e la grave malattia inguaribile bussano alla nostra porta sconvolgendo i nostri fragili equilibri  personali e sociali.

L' Hospice di San  Severino Marche


L' Hospice ha la funzione  di ricoverare pazienti in fase avanzata di malattia, per i quali le condizioni assistenziali e familiari non permettono la cura a domicilio. La struttura è dotata inoltre di 12 posti letto ed è parte integrante della rete di cure palliative della zona territoriale 10 della ASUR Marche.


Che cosa è un Hospice?


L’ Hospice è il luogo d’accoglienza e ricovero per malati verso il termine della vita (soprattutto malati di tumore), ogni camera è dotata di un posto letto per il familiare, per rendere l’ambiente più consono alle condizioni psico-fisiche dei malati in una fase così delicata della loro vita.

Gli "Hospice" o "Unità di Cure Palliative" sono strutture nate in Inghilterra verso la fine degli anni ‘60, quando il St. Christopher's Hospice iniziò la sua attività a Londra; si sono diffuse prima nel mondo anglosassone (Stati Uniti, Canada e Australia) e quindi negli altri Paesi europei. Oggi gli Hospice nel mondo sono più di 3000.


Chi lavora in Hospice ?


Nell’hospice opera un’équipe multidisciplinare formata da: il medico palliativista, gli infermieri, gli operatori socio-sanitari, lo psicologo, l’assistente sociale, il fisioterapista, i volontari (che devono avere i requisiti stabiliti dalla legge n° 260 e segg.). Mentre le figure professionali del medico palliativista, degli infermieri e degli OSS si prendono cura degli aspetti prettamente clinici, il servizio di sostegno psicologico offre, sia in Hospice che a domicilio, uno spazio di ascolto per contenere l’ansia e rispondere ai bisogni emotivi della

persona malata e dei suoi familiari. Il servizio di assistenza sociale mira a raccordare le varie figure professionali che gravitano intorno al pianeta Hospice, attraverso un proficuo e costruttivo lavoro di rete, e offre concrete risposte ai bisogni di carattere ecomico-sociale dei soggetti, indirizzando questi ultimi verso i molteplici servizi presenti sul territorio.


Che cosa significa Cure Palliative?


Le cure palliative sono tutte quelle cure tese a controllare il dolore e ad alleviare la situazione di chi è colpito da una grave malattia non più guaribile. Infatti, nel caso di molte malattie allo stadio "terminale", come il cancro, la persona malata e la sua famiglia hanno bisogno di un sostegno ed un livello di assistenza altissimo, per migliorare per quanto possibile la qualità della vita.

Per accedere al programma di cure palliative è necessaria la richiesta del medico di famiglia o del medico ospedaliero che segue la persona malata.


Che cosa è “L’anello della vita-Fondazione Onlus”?


La cura del malato di cancro inguaribile è diventata una priorità per l'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'assistenza ai malati terminali è un rilevante problema sociale e sanitario anche in Italia.

In tale contesto la Fondazione, costituitasi a San Severino Marche nel novembre 2004, riconosciuta dalla Regione Marche e dal Ministero delle Finanze come ONLUS, persegue come finalità esclusiva la promozione delle cure palliative. L’Anello della vita si propone come struttura “trasversale”, come luogo di incontro e di collegamento  fra gli operatori sanitari e la popolazione.

informazioni di assistenza socio sanitaria per persone affette da patologie oncologiche e cronico degenerative